Image Alt
 • Keraplant  • Speciale Anticaduta

Speciale Anticaduta

La crescita sana dei capelli fa parte di un ciclo di vita naturale cadenzato dall’alternanza di fasi di attività e fasi di riposo. Quando, per fattori ereditari, età, stress, cambiamenti di stagione, regimi alimentari non equilibrati, assunzione di particolari farmaci o squilibri ormonali, la caduta dei capelli è eccessiva o manca la normale ricrescita, siamo in presenza di un’alopecia del cuoio capelluto. 

L’alopecia è un fenomeno piuttosto comune che suscita preoccupazione e, di conseguenza, grande interesse in molte persone. Cogliamo l’occasione per addentrarci in questo argomento con l’aiuto dei ricercatori Lisap.

Buongiorno, Dott.ssa Uzzo la caduta precoce dei capelli continua ad essere un tema molto sentito. Cosa occorre sapere a riguardo?

Prima di prendere in esame il problema relativo alla caduta esaminando le fasi di vita del capello, è utile vedere velocemente la struttura del capello. 

Il capello, nella sua struttura, si suddivide in due parti fondamentali: la parte esterna alla cute, costituita dallo stelo; la parte interna alla cute, costituita dal follicolo, dalla ghiandola sebacea, dal muscolo erettore, dal bulbo, dalla radice e dalla papilla dermica del pelo.

Il follicolo pilifero è una piccola cavità tubolare sottocutanea che ospita il bulbo. Ogni singolo capello ha il proprio follicolo e la propria papilla alla base del follicolo. La sua parte esterna è percorsa da microvasi sanguigni che forniscono il nutrimento necessario alla crescita del capello.

Il bulbo si trova proprio al di sopra della papilla, a cui aderisce strettamente ed è responsabile della riproduzione cellulare e della crescita del capello.

Prima ha accennato alle fasi di vita del capello. Quante e quali sono? 

Le cellule del bulbo capillare seguono un ciclo di 3 fasi:

• Fase anagen: è una fase di crescita, che dura da 2 a 6 anni e normalmente interessa l’84% dei capelli. In questa fase il follicolo è allungato e il bulbo riveste la papilla dermica.

• Fase catagen: è una fase di stasi, che dura circa da 7 a 21 giorni, l’1% dei capelli è in questa fase in condizione normale. In questa fase la proliferazione cellulare nel bulbo si ferma e tutte le cellule si cheratinizzano.

Il bulbo scompare e il follicolo sale verso la superficie epidermica, lasciando dietro di sé i vasi sanguigni e i nervi che nutrivano la papilla dermica.

• Fase telogen: è la fase di caduta, che dura circa 3 mesi, solitamente il 15% dei capelli si trova in questa fase. In questa fase il capello rimane attaccato al cuoio capelluto il tempo utile perché ne ricresca un altro, con le stesse caratteristiche, in sostituzione. Dopo un breve riposo, il follicolo riprende il suo ciclo con una fase chiamata germinativa.

È il rapporto squilibrato tra queste fasi che determina l’alopecia?

Corretto. È fondamentale considerare il rapporto esistente tra capelli nella fase anagen (A) e i capelli nella fase telogen (T). Se A/T<3 ci troviamo davanti ad un eccessivo numero di capelli che si trova nella fase di regressione rispetto al numero di capelli nella fase di crescita attiva. Questo porta alla formazione di aree prive di capelli che cadono precocemente.

Quali sono le cause che determinano questo squilibrio?

Ci possono essere numerose cause:

• Ragioni organiche: esaurimenti, depressioni nervose, una inadeguata alimentazione, alterazioni del sistema circolatorio e squilibri ormonali 

• Variazioni atmosferiche: determinate situazioni ambientali, quali gli sbalzi di temperatura, eccessivi accumuli elettrostatici, l’aria salmastra e soprattutto il vento e il sole sono fattori negativi per la lucentezza, la morbidezza e il corpo del capello. Questi fattori negativi alterano la funzionalità delle ghiandole sebacee e sudoripare e chiaramente ne consegue anche un’alterazione del cuoio capelluto.• Inquinamento della atmosfera: si deposita sui capelli sporcandoli e impermeabilizzandoli determinando così un rallentamento nell’ossigenazione delle cellule in riproduzione.

• Prodotti impropri: l’utilizzo di prodotti eccessivamente aggressivi lascia il capello privo delle sue difese naturali, pregiudicando con l’andare del tempo anche la sua integrità.

Esistono diverse tipologie di alopecia? 

Si, esatto. A seconda della causa scatenante distinguiamo: 

• Alopecia congenita o ereditaria

• Alopecia Androgenica: è influenzata da fattori ormonali e di invecchiamento; questa anomalia si riscontra solitamente nell’uomo, in quanto la donna è parzialmente protetta da questa forma, grazie agli estrogeni. Si può tuttavia riscontrare in quei casi in cui si ha uno squilibrio ormonale dovuto ad un sensibile calo di questi ormoni, con relativo aumento degli androgeni (ormoni maschili), nel periodo della menopausa o per cure ormonali ben precise (si noterà un aumento di peluria sul corpo ed una alopecia cutanea).

• Alopecia Areata: la caduta si riscontra a chiazze circolari; essa è provocata, nella maggioranza dei casi, da problemi psichici o da fattori immunologici.

• Folliculitis Decalvans: è la caduta causata da seborrea. E’ caratterizzata da ascessi follicolari, che lasciano delle piccole chiazze prive di capelli sulla fronte e sulle tempie, che con l’andar del tempo tendono ad allargarsi causando un vero e proprio diradamento.

• Alopecia Traumatica: è lo strappo dei capelli dalla sua sede; può essere causata anche da spazzolature troppo violente, da pettinature troppo tirate, da un uso eccessivo di fermagli, bigodini, phon.

• Effluvio Telogenico: è una improvvisa caduta dei capelli in fase telegenica (da 100 a 1000 al giorno) dovuta allo stress, stati febbrili prolungati, interventi chirurgici, gravidanze e periodi di allattamento, cure dimagranti debilitanti (si crea un diradamento, ma una cura appropriata può nel giro di poco tempo rinfoltire le parti).

• Alopecia Cicatriziale: è la distruzione del follicolo causata da traumi fisici tipo bruciature, tagli, infiammazioni acute o croniche, infezioni micotiche o batteriche ed è irreversibile.

• Anche la forfora è una delle cause scatenanti la caduta.

Qual è la risposta di Lisap?

Keraplant Nature Energizzante. La linea è dedicata a rigenerare, aiutare e prevenire la caduta dei capelli dovuta a stagionalità e alla prolungata azione della fase telogen. Normalizza la naturale ricrescita, mantenendo i capelli sani e vitali. La linea è completamente senza parabeni e coloranti e con profumazioni naturali certificate ed arricchita di Tricocomplex, estratto di ginseng, oli essenziali di lavanda, rosmarino, geranio e timo, che tonificano, rigenerano e rinforzano il cuoio capelluto.

Che funzione hanno gli ingredienti della linea?

L’ESTRATTO DI GINSENG ha proprietà tonificanti e rigeneranti, l’ESTRATTO DI ARCTIUM MAJUS drena e purifica il sangue favorendo l’eliminazione delle tossine, l’ESTRATTO DI LAVANDA promuove la crescita ed è in grado di combattere l’irritazione sulla cute e di riequilibrare il sebo in eccesso. È utile per combattere batteri e funghi e può quindi aiutare a tenere pulito e disinfettato il cuoio capelluto. L’OLIO ESSENZIALE DI ROSMARINO stimola la circolazione e favorisce l’ossigenazione dei tessuti e la ricrescita dei capelli. L’OLIO ESSENZIALE DI GERANIO tonifica e riequilibra. L’OLIO ESSENZIALE DI TIMO ha proprietà antibiotiche e antinfiammatorie. 

E il Tricocomplex?

Tricocomplex è un complesso tricogenico costituito da una selezione sinergica di componenti di origine botanica e biotecnologica. Ha un effetto stimolante sull’attività capillare per una riduzione della perdita dei capelli e una loro ricrescita più rapida. Purifica il cuoio capelluto e rinforza i capelli. Regola la produzione di sebo che è spesso causa di alopecia. Rallenta l’eccessiva caduta dei capelli. Stimola le cellule dei follicoli capillari, che sono essenziali per la crescita, il rinnovamento e la rigenerazione dei capelli. Stimola il metabolismo cellulare e aumenta l’ossigenazione. Migliora le qualità estetiche dei capelli e le qualità del cuoio capelluto che risulta così più sano. Regola la secrezione sebacea e riduce forfora e prurito. Ha, inoltre, ulteriori proprietà: rinforza i capelli danneggiati, ha un effetto condizionante, ha un effetto foto-protettivo contro il danno indotto dai raggi UV-B, stimola il consumo di ossigeno.

Da che prodotti è composta la linea? E come si articola il trattamento Keraplant Nature Energizzante?

Il trattamento si articola in tre fasi: azione purificante e calmante, azione di detersione e azione di trattamento specifico

Azione purificante e calmante. In questa fase il prodotto fondamentale è Keraplant Nature Mud un fango equilibrante detossinante dedicato all’eliminazione delle tossine e delle impurità fisiologiche e ambientali (da inquinamento) che si accumulano sul cuoio capelluto causando irritazioni, pruriti, secrezioni sebacee, desquamazioni. In associazione a questo prodotto si può utilizzare Keraplant Nature Olio Essenziale Energizzante, un complesso aromatico di origine naturale che rivitalizza e dona energia al cuoio capelluto e ai capelli, ripristinando le funzioni della cute; crea le condizioni ottimali per la crescita del capello. 

Azione di detersione. Questa è la fase per attivare e tonificare il cuoio capelluto, in cui il protagonista è Keraplant Nature Shampoo Energizzante. Esso ha un effetto energizzante per il trattamento di casi con perdita dei capelli. Attiva e tonifica il cuoio capelluto.

Azione di trattamento specifico. È questa la fase fondamentale per favorire la crescita dei capelli, l’ossigenazione e la microcircolazione. Il trattamento specifico di prevenzione e mantenimento è costituito da Keraplant Nature Trattamento Energizzante, che favorisce la crescita dei capelli (metabolismo cellulare, ossigenazione e microcircolazione) e regola la secrezione sebacea del cuoio capelluto. Per il trattamento d’urto, atto a stimolare la microcircolazione cutanea contribuendo a migliorare l’ossigenazione della radice del capello, c’è poi Keraplant Nature Trattamento Energizzante Intensivo. 

Grazie Dottoressa per tutte le informazioni. Al prossimo approfondimento!

POST A COMMENT