Image Alt
 • Lifestyle  • Wao! I Feel Good

Wao! I Feel Good

Lo Shiatsu e i suoi segreti

Lo Shiatsu è una disciplina autonoma e manuale di origine giapponese. Si esprime, attraverso differenti stili, mediante pressioni eseguite su determinati punti del corpo e finalizzate a ripristinare le energie e la vitalità del soggetto ricevente”. Lo Shiatsu (da shi, dito e atsu, pressione) è una pratica manuale giapponese che stimola in colui che la riceve un benessere generale attraverso il fluire dell’energia vitale detta Qi o Ki. 

Nell’ideogramma viene raffigurata nella parte inferiore un chicco di riso (Yin) mentre nella parte superiore il vapore (Yang), la combinazione tra Yin e Yang genera energia (nutrimento).

In che modo interviene lo Shiatsu in questo processo?

Partiamo da questa considerazione: noi siamo fatti più di spazio che di sostanza, più di luce che di materia, le nostre cellule sono formate da atomi e un atomo è formato dal grande spazio entro cui ci sono il nucleo, i protoni e i neutroni che girano intorno, grande spazio, energia che circola continuamente. Quando l’energia fluisce in un moto armonioso il nostro corpo ed il nostro spirito sono in equilibrio e tutto scorre, non c’è dolore, quando invece ci sono dei blocchi diventiamo più vulnerabili e dove l’energia si è bloccata insorge una problematica e dolore.

Lo Shiatsu interviene sul fluire dell’energia, attraverso la Pratica possiamo sciogliere i blocchi energetici e ripristinare lo scorrere della nostra energia vitale (Qi) promuovendo un processo che porta la persona ad un benessere generale. Lo Shiatsu generalmente non presenta controindicazioni e può portare benefici a qualsiasi età lo si riceva, da bambino, come aiuto per la crescita, nell’adolescente, nell’adulto o nella persona anziana dove, per il processo naturale di invecchiamento, l’energia vitale viene a diminuire nel tempo. Lo Shiatsu viene praticato su un tatami di cotone disteso sul pavimento, chi esegue il trattamento (Tori) e chi lo riceve (Uke) sono due persone che si relazionano, attraverso lo Shiatsu, per cercare di capire insieme cosa crea lo squilibrio energetico di Uke e per ricondurre l’energia di Uke ad una circolazione armoniosa. Lo scambio di “informazione” è alla base di un trattamento che non è, quindi, un mero dare, ma è un dare-ricevere.

Nello Shiatsu il ricevente (Uke) è vestito con abiti comodi, ma non troppo pesanti, questo per garantire a Tori di premere e “sentire” i punti senza dover esercitare forza. Nella pratica vengono utilizzati principalmente i pollici e, in alcuni casi particolari, anche i gomiti.

La pressione viene praticata non con forza, ma con il peso naturale del corpo, motivo per cui lo Shiatsu si pratica distesi per terra, in questo modo chi lo esegue assumerà una posizione perpendicolare rispetto a chi lo riceve.

“Se avete mai provato a far camminare un bambino piccolo sulla vostra schiena, sapete cosa si intende per pressione naturale” (Shizuto Masunaga).

Esistono diversi stili di Shiatsu, i più diffusi sono quelli fondati dai tre grandi maestri Namikoshi, Ohashi e Shizuto Masunaga, ogni scuola poi in base alla propria esperienza può elaborare un proprio stile partendo da quelli proposti.

Lo Shiatsu si fonda sui principi base della Medicina Tradizionale Cinese, quindi sulla pressione dei punti (Tsubo) di agopuntura riportati sulle tavole dei 12 meridiani principali e altri meridiani definiti come estensione di quelli principali.

Estensioni di Masunaga

I meridiani principali sono 12, collegati energeticamente a 6 organi quali, Polmone, Rene, Fegato, Cuore, Pericardio, Milza mentre gli altri 6 sono correlati ai visceri di Intestino Crasso, Vescica Urinaria, Vescicola Biliare, Intestino Tenue, Triplice Riscaldatore, Stomaco.

La particolarità del metodo è che, oltre, alla pressione dei punti specifici viene trattato tutto il decorso del meridiano seguendo la direzione del Qi (energia).

Questa particolarità permette, nel corso del trattamento, di stimolare tutti i meridiani ed attivarne la relativa energia qualora fossero presenti dei blocchi e di stimolarne in ogni caso il flusso dell’energia nei suoi canali principali. Lo stretto legame che esiste tra Shiatsu e Medicina Tradizionale Cinese ci porta ad una visione di “insieme” tra microcosmo (l’uomo) e macrocosmo (l’universo), ogni sintomo e ogni patologia deriva da un disequilibrio delle emozioni che ci portano a non vivere nell’Universo. La Medicina Tradizionale Cinese (MTC) è una medicina popolare che risale a 5000 anni fa, i suoi fondamenti sono alla base dei trattamenti moderni, è detta medicina a spirale poiché sulle sue basi si sono in seguito costruite  le varie discipline olistiche, senza però mai contraddirne i principi fondamentali.

“Gli uomini dell’Alta Antichità erano osservanti della Via (il Tao); si regolavano sullo Yin e sullo Yang e raggiungevano l’armonia con le Pratiche.

Bevevano e mangiavano con misura, lavoravano e si riposavano con regolarità, non si estenuavano in attività sconsiderate. Potendo così mantenere l’unione del corpo e degli Spiriti, arrivavano alla fine dell’età naturale e, centenari, se ne andavano”.

Hang Di Nei Jing Su Wen

Capitolo I

Fonti e riferimenti.

APOS (Associazione Professionisti Operatori ed Insegnanti Shiatsu) 

www.shiatsuapos.com

Shiatsu in cammino

(Scuola Shiatsu di RIZA)

www.shiatsuincammino.it.

POST A COMMENT